0 mobile logo

featured image

Spirulina: micro alga, super alimento

By Superuser in Alimentazione Tecnica on 30/08/2017 - No Comments

La Spirulina (nome scientifico Arthrospira platensis (Nordstedt) Gomont o Spirulina platensis) è una micro alga che cresce in acqua particolarmente alcalina (pH > 9), ricca di sali minerali e con una temperatura compersa tra i 20°C ed i 40°C. La Spirulina ha una colorazione verde/azzurra e guardata al microscopio si presenta come segmenti fibrosi arricciati a forma di spirale.

La Spirulina è un microorganismo molto antico: fa parte della categoria dei cianobatteri che risalgono alla fase evolutiva di congiunzione tra il regno vegetale e quello animale. E’ capace di convertire la luce solare e l’anidride carbonica presente nell’acqua in ossigeno tramite la sintesi clorofilliana.

L’aspetto molto interessante di questa micro alga, è quello nutritivo. La Spirulina infatti contiene moltissimi degli elementi nutritivi di cui abbiamo bisogno:

  • proteine; la quantità di proteine contenute nella Spirulina supera (in percentuale) di gran lunga quelle contenute nel latte, nella carne, nelle uova, nel pesce e nella soia. Infatti il 60% del peso della Spirulina sono proteine vegetali. Le proteine contenute nella spirulina hanno al loro interno tutti gli 8 tipi di aminoacidi essenziali
  • acidi grassi essenziali; tra gli altri contiene l’acido γ-linolenico (GLA, serie Omega-6) molto importante per il corretto funzionamento del sistema immunitario
  • vitamine; la Spirulina contiene elevate quantità di vitamina B1, B2 e B3 e di pseudo vitamina B12
  • ferro, calcio e magnesio; in forma molto facilmente assimilabile dall’organismo
  • oligoelementi; tra i quali manganese, cromo, rame, zinco e selenio

Contiene invece in percentuale molto ridotta iodio e sodio (rendendosi molto indicata per segue una dieta iposodica).

Queste caratteristiche rendono la Spirulina un vero e proprio super alimento. Infatti nel lontano (ma non troppo) 1974 viene definita “alimento del futuro” e il “miglior alimento del XXI° secolo” da ONU ed OMS e successivamente è stata introdotto e largamente usata nelle missioni aerospaziali come alimento base.

Tutto questo si trasmette direttamente in acquariofilia dove la Spirulina sta prendendo sempre più piede essendo ancora purtroppo ampiamente sottovalutata. Essendo un’ottima fonte di proteine vegetali sostituisce tutte le farine di animali utilizzate per la preparazione dei mangimi commerciali e di acquacultura; questo porta ad un minor sfruttamento degli allevamenti intensivi di bestiame che causano, tra le altre cose, la maggior parte dei gas serra.

 

Accenni di coltivazione

La coltivazione della micro alga spirulina è di base molto semplice.
Innanzitutto serve lo “starter” ossia una piccola quantità di spirulina viva dalla quale poi si creerà la nostra coltura.
Questo starter va inserito in acqua calda (25/35°C), molto alcalina (pH > 9) e movimentata. Un recipiente di 100 litri con un’illuminazione moderata può andar bene.
Una volta inserito lo starter dobbiamo iniziare ad alimentare le micro alghe somministrando dei fertilizzanti a base ferrosa.
All’occorrenza preleveremo la quantità desiderata, setacciando l acqua con un filtro da 60 micron et voilà, la Spirulina è servita.

 

Tags: , , ,

  • Superuser - 30/08/2017