0 mobile logo

Classificazione scientifica Discus (Symphysodon sp)

By Superuser in Scheda allevamento pesce on 07/05/2017 - No Comments

Oggi parliamo del re dell’acquariofilia, il Symphysodon sp. più comunemente conosciuto come Discus, e in particolare parleremo della sua classificazione in ambito selvatico.
Il Symphysodon è un ciclide sud americano, proveniente dal bacino del Rio delle Amazzoni. Molto probabilmente il nome che gli è stato assegnato deriva dal suo aspetto fisico infatti ha il corpo fortemente compresso ai lati, ottenendo così una forma a “disco”. Anche le pinne seguono questa sagoma: la pinna dorsale e la pinna anale infatti sono larghe e su tutto il profilo superiore e inferiore del corpo (ventre e testa esclusi). La coda è ampia ed è a delta mentre le pinne ventrali sono allungate come in tante altre specie di ciclidi sud americani.

Come per altre specie di pesci per acquario, esistono varietà di Discus che non si possono trovare in natura. Queste specie vengono definite “ibride” o “commerciali” e sono state create incrociando diverse sottospecie di Symphysodon selvatiche (cioè che si trovano nei fiumi e nei laghi del sud America) fino ad ottenere le diverse colorazioni presenti oggi sul mercato. Come preannunciato però, questo articolo spiega a grandi linee la classificazione scientifica delle diverse sottospecie selvatiche del Symphysodon o Discus.

Nel corso del tempo, ci sono state diverse classificazioni scientifiche del Symphysodon sp. Queste sono le 3 diverse sottospecie presenti in natura attualmente accettate dalla comunità scientifica:

  • Symphysodon tarzoo
  • Symphysodon discus
  • Symphysodon aequifasciatus

 

Rispetto al passato infatti sono state eliminate molte sottospecie del Symphysodon, come ad esempio la s. aequifasciatus haraldi schultz, s. aequifasciatus aequifasciatus , s. aequifasciatus axelrodi e s. discus willischwartzi.

Di seguito vengono quindi riportate le tre sottospecie selvatiche ufficialmente riconosciute oggi.

 

Symphysodon Tarzoo

Anche se la colorazione del corpo è estremamente variabile, di norma il Symphysodon tarzoo ha la livrea gialla/bruna con 9 bande verticali che dividono il corpo dall’occhio all’attaccatura della coda. Lo si può trovare con sfumature verdi, rosse e bianche. È la sottospecie che rimane più piccola, circa 13 cm.

 

Symphysodon Discus

Quando tra scienziati si parla di Symphysodon Discus si fa riferimento alla sottospecie Heckel tanto amata dagli acquariofili. Questa sottospecie si contraddistingue dalle altre per le sue forme del corpo quasi sempre perfettamente arrotondate e per la caratteristica barra centrale molto più marcata e larga delle altre 8 barre e di tutte quelle delle altre sottospecie. Per questa ragione vengono anche chiamati affettivamente dagli acquariofili “righelli”.  La sua dimensione massima è circa 20 cm.

 

Symphysodon aequifasciatus

È la sottospecie più diffusa nel Rio delle Amazzoni, la possiamo trovare nel fiume Rio Putumayo (confine politico tra Perù e Colombia), Rio Nanay, Rio Tocantins, Rio Momon, Rio Solimões, Rio Ica, Rio Yavari e molti altri fiumi, alcuni dei quali, ancora oggi inesplorati. Raggiunge una dimensione di circa 14 cm. Vive in zone tranquille, forse sommerse ricche di radici, rami e foglie.

 

Ecco spiegate le tre sottospecie selvatiche scientificamente descritte oggi.
Cosa diversa invece sono le colorazioni, nelle quali possiamo trovare le sottospecie selvatiche di Symphysodon. Queste sono le colorazioni “ufficiali” sotto le quali vengono catalogati tutti i Symphysodon:

  • Heckel
  • Green
  • Blue/Brown

 

 

Tags: , ,

  • Superuser - 07/05/2017